Siamo spiacenti ma il tuo browser non è supportato da marsh.com.

Per una miglior navigazione aggiorna il browser o passa a un browser supportato:

X

Risk in Context

Atenei e interculturalità: come gestire i progetti di scambio internazionale tenendo sotto controllo i rischi

POSTED BY Diego Montemurri Mercoledì, 24 Aprile 2019

Il contesto in cui si trovano a operare in questo momento gli atenei è caratterizzato da una forte spinta internazionale e interculturale, ed è proprio in risposta alle crescenti esigenze di internazionalizzazione da parte dei giovani che si moltiplicano i progetti di scambio tra Paesi.

Definire un programma di studio all’estero implica un’importante collaborazione tra università che si concretizza tramite la definizione di accordi bilaterali relativi alle modalità di gestione di tali programmi, ai diritti e agli obblighi delle parti e alle tutele previste. La molteplicità degli attori in gioco, l’ampiezza del perimetro di riferimento, la diversa natura delle iniziative e il loro numero sono solo alcuni degli elementi critici che, se non adeguatamente gestiti, possono portare al concretizzarsi di rischi rilevanti per tutti i soggetti coinvolti.

In questo contesto risulta fondamentale l’identificazione e la valutazione delle minacce legate alle iniziative di mobilità internazionale, con l’obiettivo di formulare un’adeguata strategia di gestione che definisca le azioni da intraprendere per tutelare organizzatori e partecipanti. In questo modo è possibile identificare puntualmente le responsabilità dei soggetti in campo, valutare le potenziali minacce (contrattuali, reputazionali, rischi per salute e sicurezza ecc.) e definire le azioni di mitigazione da implementare.

Di fronte a un fenomeno così complesso sono disponibili diversi strumenti di analisi e gestione: se talvolta possono essere sufficienti interventi di natura organizzativa, procedurale o legale, in altri casi si rende invece necessario ricorrere a programmi assicurativi specifici per garantire che i rischi residui siano presidiati e trasferiti.

In tale contesto è inoltre indispensabile un’azione di prevenzione, fondata su un’informazione costante e a una formazione continua nel tempo. A questo riguardo gli atenei sono chiamati – nell’ambito di un percorso di sensibilizzazione nei confronti delle minacce legate ai programmi di mobilità internazionale – a farsi promotori della cultura della gestione del rischio, anche attraverso una comunicazione efficace rivolta agli studenti (partecipanti a corsi di laurea, specializzandi, tirocinanti, dottorandi) e in generale a chi, per motivi formativi, frequenta le strutture dell’università.

PREVIOUS BLOG

Three strategies to better manage geopolitical risk

POSTED BY Evan Freely Lunedì, 02 Febbraio 2015

NEXT BLOG

Alle Origini del Rischio Cyber

POSTED BY Andrea Bono Venerdì, 15 Settembre 2017