L'anno che verrà: conversazioni con la Leadership

Un importante appuntamento per fare il punto sull’anno che sta per concludersi quello che si è tenuto mercoledì 2 dicembre con l’evento digitale L'anno che verrà: conversazioni con la Leadership. Il 2020 è stato infatti un anno di forte e inattesa discontinuità, in cui la pandemia ha imposto modifiche profonde alle agende delle imprese e delle istituzioni finanziarie, con impatti sulle dimensioni Risk, People e Strategy dell'intero sistema.

Un evento che ha voluto offrire un'occasione per commentare gli impatti relativi a queste dimensioni e creare un dialogo per discutere delle sfide e delle opportunità percepite nel breve e medio periodo, per analizzare gli approcci strategici e tattici messi in campo e per condividere le prospettive per il 2021.

Organizzato da Marsh, Mercer, Oliver Wyman e Guy Carpenter, business di Marsh & McLennan, l’evento ha visto l’introduzione dei nostri CEO, Marco Araldi e Andrea Bono, e i closing remarks di Giovanni Viani, Market Leader di Oliver Wyman. La tavola rotonda, moderata da Laura Galvagni, giornalista del Sole 24 Ore, ha ospitato tra gli speaker Marco Valerio Morelli, amministratore delegato di Mercer Italia e tra i relatori:

  • Ornella Barra, Co-Chief Operating Officer, Walgreens Boots Alliance;
  • Giuseppe Castagna, amministratore delegato, Banco BPM;
  • Patrizia Giangualano, Independent Director Leonardo e Mondadori e Sustainability, Governance and Risk Expert;
  • Andrea Quacivi, Chief Executive Officer, Sogei;
  • Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato, Open Fiber;
  • Guido Stratta, Direttore People & Organization, Enel.

Si tratta di un appuntamento arrivato in un momento particolare, in conclusione di un anno che ha cambiato gli scenari mondiali e di business: «Se fino al 2019 il rischio pandemico non era, di fatto, nei radar delle aziende, i rischi connessi al Covid sono ora indicati da parte del 42% delle principali quotate italiane nella sezione rischi dei propri bilanci. Una percentuale che sale al 92% se consideriamo anche le menzioni all’interno delle relazioni sulla gestione o nelle lettere agli azionisti», spiega Andrea Bono, co-CEO di Marsh Italia.

«Nonostante il blocco dei licenziamenti in vigore fino al marzo prossimo», aggiunge Marco Araldi, co-CEO di Marsh Italia, «la quota di disoccupati potrebbe infatti crescere nel 2021 in modo rilevante (all’11,6%, secondo le previsioni economiche di novembre della Commissione UE). Una crisi occupazionale che si teme possa aprire scenari di crisi sociale, con conseguenze rilevanti sulla serenità delle persone e una potenziale ulteriore minaccia sulla salute mentale, in uno scenario in cui una persona su dieci a livello globale soffre già di questa tipologia di disturbi». Uno scenario, quindi, estremamente complesso, e che lascia aperte molte domande in vista del 2021 – alle quali gli ospiti della tavola rotonda hanno cercato di rispondere durante il webinar.

Il 2020 ha infatti messo in discussione molte delle nostre certezze, spingendoci a ripensare diversi ambiti della nostra vita, personale e lavorativa. L’avvicinarsi del nuovo anno ci invita comunque a guardare avanti e a volgere il nostro sguardo al futuro, per comprendere meglio le tendenze e gli scenari che caratterizzeranno “l’anno che verrà”.

Di seguito è disponibile la registrazione del webinar:

MMC Digital Event: “L’anno che verrà. Conversazioni con la leadership”