Article

Offrire supporto ai lavoratori nel corso della crisi tra Russia e Ucraina

La crisi tra Russia e Ucraina sta causando effetti a catena in tutto il mondo. In un periodo complesso come quello attuale, i datori di lavoro devono affrontare il possibile impatto di questi eventi sui lavoratori, compresi quelli lontani dalle zone colpite del conflitto.

close up of hand holding a compass with blue background: Business navigate recovery, Abstract, The compass navigate for businessmen to resume business growth in the economic crisis, Rethink, Reinvent and Recover

La crisi tra Russia e Ucraina sta causando effetti a catena in tutto il mondo. In un periodo complesso come quello attuale, i datori di lavoro devono affrontare il possibile impatto di questi eventi sui lavoratori, compresi quelli lontani dalle zone colpite del conflitto. 

Questa crisi sortirà effetti particolarmente traumatici per i dipendenti che si trovano in Ucraina o in quelle zone, oltre che per coloro che hanno familiari e amici che si trovano lì. Tuttavia, sono in molti a sentirsi sconvolti, rattristati e ansiosi per ciò che potrebbe accadere.

Il fatto che questa tragedia si stia verificando sulla scia di una pandemia globale amplifica i sentimenti di incertezza. Ma come abbiamo appreso durante l’emergenza sanitaria, attraverso l’empatia e l’offerta di un supporto significativo i datori di lavoro possono fare molto per aiutare i dipendenti a superare una crisi.

Cosa possono fare le organizzazioni per gestire la situazione con empatia?

  • La sicurezza e l’incolumità dei dipendenti dovrebbero essere la priorità numero uno. I datori di lavoro con attività in Ucraina e nelle aree limitrofe devono affrontare le sfide più urgenti: possono avere dipendenti in fuga, nei rifugi o coinvolti nei combattimenti. Considera quale supporto puoi offrire per quanto riguarda i bisogni di base tra cui cibo, trasporti, comunicazioni, assistenza sanitaria, contanti e assistenza legale. Inoltre, potrebbe essere utile comunicare a tutti i dipendenti quali passi stai prendendo per aiutare le persone direttamente colpite dalla guerra e contribuire ad alleviare il senso di impotenza che molti provano.
  • Sii aperto al dialogo. Anche se non hai attività nelle zone interessate dal conflitto, non dare per scontato che la crisi non possa avere un impatto diretto su qualcuno dei tuoi dipendenti. È importante affrontare la situazione e aprire il dialogo. Ricorda ai dipendenti come contattare il Programma di Assistenza ai Dipendenti e come attingere ad altre risorse per la salute mentale. Sebbene le comunicazioni aziendali a tutti i lavoratori abbiano un ruolo importante, i manager sono i comunicatori chiave in questa situazione: assicurati che siano preparati e dispongano delle risorse adatte a supportare i dipendenti.
  • Aiuta i tuoi dipendenti a offrire il loro aiuto. È naturale essere angosciati da ciò a cui stiamo assistendo e molte persone si chiedono cosa possono fare per alleviare la sofferenza delle persone direttamente colpite da questi eventi. È stato dimostrato che aiutare gli altri migliora la salute mentale e il benessere e ci sono molti modi di offrire aiuto per aiutare quanti si trovano coinvolti nella crisi. Fornisci un elenco di enti di beneficenza e organizzazioni credibili che accettano donazioni e valuta la possibilità di fare un’offerta di pari entità rispetto alle donazioni dei tuoi dipendenti.

L'impatto di questa crisi sarà vissuto in modo diverso da ciascun dipendente, tuttavia i datori di lavoro possono fare la differenza in modo significativo: fai sapere ai dipendenti cosa stai facendo per supportare il popolo ucraino, anche se non hai attività in quella zona.

Oltre a ciò, flessibilità, leadership solidale e comunicazioni ponderate possono aiutare le persone colpite a sapere direttamente e indirettamente che hai a cuore la situazione.

Articoli correlati