Istruzione

Per raggiungere i propri obiettivi in un ambiente volatile e imprevedibile, gli istituti di formazione devono valutare un’ampia gamma di rischi, identificare quelli prioritari e riuscire a gestirli. Gli esperti di Marsh possono contribuire a ideare strategie che migliorino la resilienza ai rischi che potrebbero compromettere reputazione e profitti.

Gli istituti di formazione di tutto il mondo sono soggetti a una serie di sfide e rischi. La recente pandemia di COVID-19 ha comportato ulteriori incertezze sul futuro, inducendo molti dirigenti a ripensare i modelli di business e istruzione esistenti, nonché i rischi inerenti. Oltre ai classici rischi di proprietà e sinistri, i rischi legati a iscrizione, apprendimento a distanza, sicurezza dei campus e i cyber risk sono preoccupazioni significative per molti istituti.

La gestione del rischio è fondamentale per superare questa volatilità ed è importante disporre, in un mondo in rapida evoluzione, di un solido team di consulenza al rischio. L'Education Practice di Marsh ha un'approfondita conoscenza dell'ambiente educativo e delle esposizioni ai rischi a cui è soggetto. Se non gestiti correttamente, tali rischi possono danneggiare reputazione, redditività e sostenibilità a fronte delle richieste sempre più pressanti di utenti e governi per il Consiglio di amministrazione e i fiduciari.

Le nostre capacità di valutazione del rischio, supportate dalla tecnologia di mappatura dinamica e dall’approccio consultivo alla gestione del rischio, aiutano le realtà del mondo dell’istruzione a confrontare, quantificare e gestire le esposizioni finanziarie e operative.

FAQ

In un contesto accademico in costante evoluzione come quello odierno, gli istituti devono affrontare una serie di rischi più eterogenei che mai. In passato, gli istituti di formazione dovevano gestire esposizioni come le spese operative della struttura, l'integrità educativa, la sicurezza del campus e le questioni relative al personale, ad esempio, le decisioni in materia di permanenza.

Lo sviluppo di soluzioni per l'apprendimento online e il graduale sfollamento dei campus erano già in atto prima della pandemia di COVID-19; l'emergenza sanitaria ha ulteriormente accelerato la necessità di tali offerte. Questi cambiamenti comportano una serie diversa di rischi e sfide per gli istituti di formazione, tra cui la sicurezza informatica, l'integrità accademica a distanza e il mantenimento del livello di iscrizioni.

Gli istituti di formazione devono affrontare un'ampia gamma di rischi, alcuni dei quali possono essere gestiti in autonomia, mentre per altri è consigliabile rivolgersi a un consulente per il rischio. Se non affrontati correttamente, i rischi in un ambiente accademico possono danneggiare la reputazione e la redditività di un istituto.

La prevenzione è sempre il modo migliore per gestire il rischio. Lo sviluppo di una strategia di prevenzione dei rischi implica l'identificazione e la quantificazione di rischi ed esposizioni. È poi importante creare un piano di risposta alla crisi, in quanto non è possibile evitare ogni tipologia di rischio.

Il dialogo in materia di identificazione e quantificazione delle esposizioni al rischio dovrebbe idealmente coinvolgere gli stakeholder interni ed esterni, nonché un consulente per il rischio qualificato. È utile disporre delle conoscenze che guidano la raccolta di dati di supporto sui vari rischi all'interno dell'istituto accademico, in quanto forniscono una base oggettiva per la successiva assegnazione delle priorità ai rischi. I consulenti di rischio di oggi utilizzano spesso sofisticati strumenti di valutazione del rischio per facilitare la raccolta e l'analisi dei dati, che a loro volta permettono di quantificare meglio le esposizioni.

I consulenti per il rischio hanno in genere la capacità di raccogliere e valutare dati preziosi sui vari rischi di un istituto accademico, contribuendo ad assegnare le priorità, e possono offrire informazioni approfondite sui rischi emergenti o generali nel panorama accademico globale. Inoltre, nei periodi di crisi, è utile avere il supporto di specialisti nella gestione del rischio, che, con la loro esperienza, possono guidare il vostro istituto nelle sfide.